26 Maggio - Solo online

Il tema di quest’anno per la Giornata dell’Africa è la letteratura.

Guarda il webinar

Per vedere il webinar fai click/tap sull’immagine o il pulsante qui sotto.

In questa pagina potrai vedere anche le biografie dei relatori.

Africa Day

Per celebrare l’anniversario della nascita dell’organizzazione Africa Unity, fondata il 25 maggio 1963 in Addis Abeba (Ethiopia), diventata poi African Union nel 2022, il Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale (MAECI) celebra ogni anno la Giornata dell’Africa.

L’anniversario ha il duplice obiettivo di riflettere sull’importanza della collaborazione tra Italia e Africa e di arricchire la varietà culturale nel continente.

Immagine: Emblema dell’organizzazione African unity

Edizione 2022

Quest’anno, dopo le due precedenti edizioni dedicate a musica e arti visuali, la giornata ha avuto come tema la letteratura, sia di autori celebri internazionali sia discendenti africani che scrivono in italiano.

I 4 Istituti di Cultura dei paesi Sub-sahariani Etiopia, Senegal, Kenya e Sud Africa hanno organizzato questo webinar per l’occasione, che si é tenuto il 26 Maggio 2022

Programma

Saluti delle Direttrici e dei Direttori degli IIC di Addis Abeba, Dakar, Nairobi e Pretoria

Moderatrice: Elena Gallenca

Una sola moltitudine: intrecci letterari italo-etiopici fra Medioevo e Novecento
Gianfrancesco Lusini

Pasolini e l’Africa
Giovanna Trento

Ecologismi a confronto: questioni e prospettive del discorso ecologico in Kenya e in Italia
Graziella Acquaviva

A long walk to Purgatory: Dante letto e reinterpretato in Sud Africa
Anita Virga

Patrimonio immateriale ed eredità della schiavitù in Africa Occidentale
Alice Bellagamba

Conclusioni

Speakers

Direttrici e Direttori

Addis Ababa, Etiopia – Semen Kumurzhi

Nairobi, Kenya – Elena Gallenca

Dakar, Senegal – Serena Cinquegrana

Pretoria, Sud Africa – Matteo Fazzi

Gianfrancesco Lusini

Direttore del Centro Studi sull’Africa e Professore ordinario di Lingua e Letteratura Geez e Amarica presso l’Università di Napoli “L’Orientale”

Gianfrancesco Lusini è Professore ordinario di Lingua e Letteratura Ge’ez (Etiopico antico) e Amarica (dal 2019) e Direttore del Centro di Studi sull’Africa (dal 2018) presso l’Università di Napoli “L’Orientale”. Visiting Professor dell’Università di Addis Abeba (dal 2014), conduce ricerche sulle lingue, letterature e culture semitiche dell’Africa orientale ed attualmente è responsabile del progetto CaNaMEI (Catalogo Nazionale dei Manoscritti Etiopici in Italia). Ha pubblicato diverse monografie e numerosi articoli sulle letterature dell’Oriente cristiano e sulla storia dell’Etiopia antica e medievale. Dirige la rivista “Rassegna di Studi Etiopici” e la collana “Studi Africanistici. Serie Etiopica”.

Giovanna Trento

Dottore di ricerca in Antropologia

Giovanna Trento è autrice, fra l’altro, del volume Pasolini e l’Africa, l’Africa di Pasolini. Panmeridionalismo e rappresentazioni dell’Africa postcoloniale (2010). Dottore di ricerca in Antropologia dell’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi ed in Africanistica dell’università L’Orientale di Napoli, già docente di Italian Studies presso la University of Cape Town in Sudafrica, ha collaborato son la SOAS University di Londra ed è attualmente una ricercatrice indipendente di base a Roma. Ha tenuto conferenze in varie università, fra cui: Brown University e University of California negli Stati Uniti, Addis Ababa University in Etiopia e, recentemente, Palazzo Ducale per l’Università di Genova.  Si è occupata di memoria coloniale italiana e di rappresentazioni dell’Africa nel cinema e nella letteratura italiani. Ha compiuto anche ricerche sul campo in Etiopia fra i discendenti dei soldati italiani. Al momento sta lavorando a un progetto interdisciplinare di argomento sudafricano su Franco Fortini.

Anita Virga

Senior Lecturer in Italian Studies
Head of Modern Languages and Italian Department
School of Literature, Language and Media
University of the Witwatersrand, Johannesburg

LA Dott.ssa Anita Virga è a capo della sezione di italiano e del dipartimento di Modern Languages presso la University of the Witwatersrand a Johannesburg (Sudafrica). Ha pubblicato un volume dal titolo Subalternità siciliana nella scrittura di Luigi Capuana e Giovanni Verga (2017) e vari articoli relativi a Verga, Capuana, il postcolonialismo italiano, la migrazione.

Graziella Acquaviva

Professoressa Associata – Lingua e Letteratura Swahili, Università degli Studi di Torino

Graziella Acquaviva è Professoressa Associata di Lingua e Letteratura Swahili presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Torino. Dopo la laurea in Lingue e Letterature Straniere Moderne conseguita all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, ha completato presso lo stesso ateneo un Dottorato di Ricerca in Africanistica (Lingue, Culture e Società dell’Africa Berbero-Sudanese, orientale e centro-meridionale) con una tesi dal titolo “Il Romanzo Popolare Swahili: analisi dei rapporti tra letteratura e mutamenti sociali nella Tanzania degli anni 80 – 90”.

Accanto all’insegnamento e ad un’intensa attività di ricerca, nel corso degli anni Graziella Acquaviva ha partecipato a numerosi convegni e ha curato la traduzione in lingua swahili dell’opera integrale di “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi (Hekaya za Pinokio) e del romanzo “Testimone Inconsapevole” di Gianrico Carofiglio (Shahidi asiyekusudiwa).

Alice Bellagamba

Professoressa – Università di Milano-Bicocca

Alice Bellagamba insegna Antropologia Politica e Culture e Società dell’Africa all’Università di Milano-Bicocca, dove coordina il programma dottorale in Antropologia Culturale e Sociale. Nel 2004-2005 è stata Alexander Von Humboldt Fellow all’Università di Bayreuth, nel 2011-2012 EURIAS fellow all’Institute for Advanced Studies di Berlino. Fra il 2013 e il 2018 è stata Principal Investigator dell’ERC grant “Shadows of Slavery in West Africa and Beyond. A Historical Anthropology.

Dal 2000 dirige la Missione Etnologica in Senegal e Africa Occidentale (ex-Missione Etnologica in Benin e Africa Occidentale).